Teniamo a bada lo stress!

frasi-sullo-stressScegli un lavoro che ti piace, e non dovrai lavorare neppure un giorno della Tua Vita” diceva Confucio. Ed io so di essere fortunata, perché da quando faccio un lavoro che amo e mi appassiona, sento meno il bisogno di evadere o di andare in vacanza.

Ma anche per me ogni tanto è importante fermarmi e recuperare energie per affrontare la quotidianità, e dopo essermi concessa una settimana di vacanza è arrivato il momento di tornare al mio adorato blog!

E ho deciso di farlo parlandovi di stress.

Sì, perché in questi giorni di pausa mi sono resa conto di quanto la gente si porti sempre dietro – purtroppo anche in vacanza! – una massiccia dose di stress, che pochi giorni di relax non possono alleviare. Sarà perché in realtà molti non riescono a lasciare a casa il lavoro (con annesso pc, smartphone, tablet… e chi più ne ha più ne metta), o sarà perché la quantità di stress accumulato è talmente alta che sarebbe necessaria molto più che una pausa di pochi giorni.

Certo è che lo stress è un tema molto trattato nella nostra società, anche se forse pochi ne conoscono la storia, o sanno che in realtà si tratta di un termine coniato poco più di 50 anni fa. Io stessa, mentre preparavo un esame di Psicologia di Comunità, mi sono imbattuta per la prima volta nel nome di Hans Selye, il medico che per primo ha introdotto il termine stress, definendolo una reazione non specifica esibita dall’individuo quando deve affrontare un’esigenza o adattarsi a una novità.

Si tratta in sostanza di uno stato di attivazione del sistema nervoso vegetativo e del sistema endocrino che interviene di fronte a stimoli stressanti di diversa natura. Lo stress è una reazione adattiva, caratteristica della vita, che può però assumere un significato patogenetico quando è prodotta in modo troppo intenso e/o per lunghi periodi di tempo e non si accompagna a risposte sufficientemente efficaci.

Ciò che le ricerche anche successive hanno confermato è che lo stress induce risposte ormonali che, nel tempo, possono avere effetti nocivi sulla salute. E da qui il fiorire di diverse teorie sulla gestione dello stress. Vediamone brevemente alcune.

Diario dello stress

Un diario dello stress è lo strumento ideale se vuoi scoprire l’origine e le cause del tuo stress e il modo in cui reagisci. Su di esso dovrai registrare regolarmente le principali situazioni di stress, specificando tempi e luoghi, soffermandoti sulle tue sensazioni, su come hai reagito, e su cosa avresti potuto fare di diverso per ridurre i livelli di stress. Mettere nero su bianco pensieri e sensazioni, potrà aiutarti ad essere più consapevole di ciò che vivi e allo stesso tempo a gestire al meglio le situazioni di stress.

Tecniche di rilassamento

Forse penserete che per rilassarsi basta sedersi davanti alla tv e leggere un buon libro per distrarre la mente. In realtà tutto ciò non serve a ridurre gli effetti fisici dello stress, ed è importante imparare a ridurre le reazioni di “attacco e fuga” che il tuo corpo produce, attraverso tecniche di respirazione, esercizi di meditazione o l’attività sportiva.

Battere lo stress sul tempo

La soluzione migliore è quella di arginare lo stress sul nascere, identificando da subito le reazioni fisiche che produce sul corpo, e compiendo uno sforzo cosciente per rilassarsi e per bloccare i suoi effetti. Ad esempio, in una situazione particolarmente stressante è molto probabile che i vostri muscoli inizieranno a irrigidirsi o la mascella a serrarsi. Riconoscere questi segnali, vi consentirà di provare a rilassarvi da subito, evitando che lo stress produca effetti a lungo termine sul vostro corpo.

In conclusione, identificare gli eventi stressanti e riconoscere le risposte a livello fisico, vi aiuterà a capire come prevenire le ripercussioni croniche che lo stress può produrre sulla vostra mente e sul vostro corpo.

E tu? Quali sono le situazioni che trovi più stressanti?

In vacanza per recuperare le energie!

relaxsabbia2

Finalmente le tante agognate vacanze sono arrivate, e con queste anche un po’ di tempo in più per rilassarsi e dedicarsi a sé stessi.

E forse anche alla coppia… Eh sì, perché i pressanti ritmi quotidiani spesso impediscono ai partner di ritagliarsi uno spazio tutto per loro, uno spazio invece fondamentale per alimentare la relazione e affrontare i piccoli e grandi problemi che riguardano ogni coppia.

E poi, che siate in coppia o single, approfittatene per prendervi cura della vostra mente, perché non c’è fisico che tenga se la mente non è libera. Spesso, infatti, la sensazione di stanchezza psicofisica che ci fiacca il corpo e ci offusca la mente, è dovuta a una mancanza di energia, energia preziosa che a volte sprechiamo inutilmente.

Per augurare a tutti buone vacanze, voglio allora ricordarvi quelli che il Dalai Lama chiama i “10 ladri di energia”, e le regole per cercare di contrastarli.

I 10 “ladri di energia”

1. Lascia andare le persone che condividono solo lamentele, problemi, storie disastrose, paura

2. Paga i tuoi debiti in tempo. Nel frattempo fai pagare chi è in debito con te, oppure lascia perdere se coloro che sono in debito con te non possono pagarti.

3. Mantieni le promesse. Se fai spesso fatica a rispettare le tue promesse, forse il modo più semplice di evitare che accada è dire di NO subito.

4. Elimina, e nel possibile delega i compiti che preferisci non fare, e dedica il tuo tempo alle cose che ti piacciono.

5. Concediti il riposo di cui hai bisogno.

6. Butta, raccogli e organizza. Niente ruba più energia di uno spazio disordinato e pieno di cose del passato che ormai non ti servono più.

7. Dai priorità alla tua salute. Un corpo sano ti permette di sfruttare al massimo la tua energia. Concediti delle pause.

8. Affronta le situazioni negative. Non sopportare le azioni negative di nessuno, né di un familiare, né di un amico, né di un compagno o di un gruppo. È sempre meglio essere chiari e affrontare le persone a viso aperto.

9. Accetta. Ma non per rassegnazione. Niente ti fa perdere più energia di una situazione che non puoi cambiare.

10. Perdona. Lascia andare una situazione che è causa di dolore, puoi sempre scegliere di lasciare il dolore nel ricordo.

Buone vacanze a tutti!