La tecnologia fa bene alle relazioni?

tecnologia e relazioniQualche sera fa, durante una cena tra amici, mi sono trovata per l’ennesima volta ad assistere a una scena che, francamente, avrei preferito risparmiarmi. Una persona seduta al mio tavolo ha passato la serata con il cellulare ben in vista accanto al piatto e alle posate, e ha continuato ad armeggiare con il medesimo per quasi tutto il tempo.
Comportamenti come questo sono, ahimè, ormai piuttosto frequenti, e quel che colpisce è che a metterli in atto non siano degli adolescenti dipendenti dalla tecnologia, ma donne e uomini abbondantemente over 40, che quando si tratta del rapporto con il loro cellulare sembrano dimenticare perfino le buone maniere.
Non c’è allora da stupirsi se proprio questo rapporto morboso con i dispositivi mobili che oggi ci seguono ovunque, finisca spesso per diventare la causa di una crisi di coppia o delle relazioni in generale.
Capita spesso che chi si rivolge a un Counselor per risolvere i problemi con il proprio partner, ad esempio, racconti di serate trascorse davanti al computer, o alle prese con tablet e cellulari. Whatsapp, Facebook, Twitter, posta elettronica, e chi più ne ha più ne metta, sono tutti strumenti che dovrebbero aiutarci ad entrare in comunicazione con il maggior numero di persone… peccato che spesso finiscano per allontanarci da chi ci sta vicino.
E anche se sappiamo tutti quanto la comunicazione reale sia fondamentale per la sopravvivenza di ogni relazione, non è certo facile alimentarla quando l’altro alza una sorta di muro concentrando le proprie energie per comunicare virtualmente con altre 10, 20, o 100 persone che magari in quel momento si trovano dall’altro capo del mondo, o per lavorare anche ben oltre l’orario stabilito e da qualunque angolo del pianeta.
E allora che fare?
La risposta non è semplice. Perché se a fare un uso compulsivo di questi dispositivi è un amico, si può anche scegliere di condividere il proprio tempo con qualcuno più interessato alle relazioni reali che a quelle virtuali, ma se questa sorta di dipendenza colpisce il proprio partner la questione si complica.
Certo, non possiamo spegnere o imporre di spegnere cellulari, PC e tablet per tutto il giorno, visto che sono ormai diventati strumenti indispensabili anche per il lavoro, ma ciò che è importante è trovare il modo di farne un uso equilibrato. Un uso che consenta di reperire le informazioni necessarie, lavorare e comunicare con il “mondo” – anche per divertimento, perché no? – ma allo stesso tempo senza sottrarre tempo alle relazioni con le persone in carne e ossa.
Un suggerimento può essere quello di stabilire delle semplici regole, e rispettarle noi per primi affinché anche ci sta accanto faccia altrettanto.
Ad esempio: 1) un’ora senza telefoni, tablet o laptop quando si rientra a casa, per avere il tempo di raccontarsi com’è andata la giornata; 2) niente dispositivi mobili in camera da letto; 3) usare tablet o PC per lavoro dopo cena o in vacanza deve essere un’eccezione, non la regola.
Questi sono solo dei suggerimenti, e non importa quali siano le regole a casa vostra, ciò che conta è che una volta stabilite facciate del tutto per rispettarle.
E vedrete che ne varrà la pena, anche per la vostra salute. È ormai risaputo, infatti, che la luce blu emessa dagli schermi dei dispositivi elettronici può danneggiare i nostri occhi, anche gravemente, e che un uso eccessivo porta ad assumere posture scorrette che causano mal di schiena e problemi alla cervicale.
Insomma, mettete da parte ogni tanto cellulari, tablet e pc, poi guardate negli occhi chi vi sta davanti e godetevi la sensazione di essere connessi… non alla rete, ma a ciò che vi succede intorno.
La tecnologia fa bene alle relazioni?ultima modifica: 2016-06-22T17:40:12+00:00da magacounselor
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento