“Midlife Dating” senza stress

foto (5)

Quando ci si immaginano due persone che si apprestano ad iniziare una nuova relazione, solitamente si pensa a persone di venti, trenta anni al massimo.

In realtà, quello che gli americani chiamano “Midlife Dating” è sempre più comune anche nel nostro Paese, perché aumentano le persone che si ritrovano a iniziare una nuova relazione intorno ai quarant’anni, con il conseguente carico di stress che implica mettersi in gioco quando si è più maturi.

I dati dell’ultimo censimento effettuato in Italia, ci dicono infatti che un separato/divorziato su due ha un’età compresa tra i 35 e i 54 anni, e che in questa stessa fascia d’età sono quasi il 20% le persone celibi/nubili.

La decisione di rimandare il matrimonio, infatti, può essere dovuta alla scelta di dare priorità alla carriera lavorativa, ma molte persone si ritrovano ad essere single anche dopo un divorzio, ed è per questo che è sempre più comune trovare persone di mezza età che iniziano nuove relazioni. Nuove relazioni che spesso portano con sé una buona dose di stress, se non altro perché la posta in gioco di solito è più alta.

Se a vent’anni, infatti, si ritiene di avere una vasta gamma di possibilità per costruirsi un rapporto, a quaranta ci si rende conto che le opportunità sono solitamente più limitate.

Frequentare qualcuno quando non si è più giovanissimi può essere stressante, anche perché è probabile che questa nuova persona porti scompiglio in una vita fatta di abitudini consolidate. C’è il lavoro, gli amici, la routine abituale e le attività che danno serenità e, si spera, gioia. Poi, all’improvviso, arriva un nuovo interesse romantico, e questo spesso ha un forte impatto sulla vita che si è condotta fino a quel momento.

Un modo per contenere lo stress è cercare di proseguire la propria vita normalmente, anziché sconvolgerla per una nuova persona, per quanto speciale essa sia. Cancellare i propri programmi per qualcun’altro significa, in un certo senso, comunicare quanto poco valore si dà alle cose che fanno già parte della propria vita. E allora, invece di stressarsi per far combaciare i programmi, è meglio ammettere semplicemente la propria indisponibilità e suggerire un’alternativa.

Quando si inizia una nuova relazione, non bisognerebbe neppure perdere i propri amici. Un nuovo rapporto può far cadere nella tentazione di focalizzarsi esclusivamente su quella persona, ma alla fine ci si sente in colpa e amareggiati per aver ignorato, e forse addirittura perso, i propri vecchi e affezionati amici. L’approccio migliore potrebbe essere quello di rispettare le proprie amicizie e cercare il modo di integrare il nuovo interesse romantico con gli amici di sempre.

Iniziando un nuovo rapporto da persone mature, bisognerebbe sempre ricordare di avere già una vita piena. Una nuova storia non dovrebbe costringere a demolire la vita condotta fino a quel momento e a costruirne un’altra focalizzandosi solo sulla nuova persona. Anche perché, così facendo, si rischia di vedere aumentate le proprie ansie e di andare incontro a un crollo emotivo se le cose non dovessero andare come sperato.

È invece importante vedere l’inizio di una relazione in questa fase matura della vita come un’avventura piacevole e interessante, e che vada ad aggiungersi e non a sostituirsi a ciò che già si ha.

Resistete alla tentazione di vedere il nuovo rapporto in termini di “tutto” o “niente”, e scoprirete che sarà molto meno stressante… e molto più divertente.

Liberamente tradotto da “Counseling Corner” della American Counseling Association. Articolo originale Mid-Life Dating With Less Anxiety.

 

In vacanza per recuperare le energie!

relaxsabbia2

Finalmente le tante agognate vacanze sono arrivate, e con queste anche un po’ di tempo in più per rilassarsi e dedicarsi a sé stessi.

E forse anche alla coppia… Eh sì, perché i pressanti ritmi quotidiani spesso impediscono ai partner di ritagliarsi uno spazio tutto per loro, uno spazio invece fondamentale per alimentare la relazione e affrontare i piccoli e grandi problemi che riguardano ogni coppia.

E poi, che siate in coppia o single, approfittatene per prendervi cura della vostra mente, perché non c’è fisico che tenga se la mente non è libera. Spesso, infatti, la sensazione di stanchezza psicofisica che ci fiacca il corpo e ci offusca la mente, è dovuta a una mancanza di energia, energia preziosa che a volte sprechiamo inutilmente.

Per augurare a tutti buone vacanze, voglio allora ricordarvi quelli che il Dalai Lama chiama i “10 ladri di energia”, e le regole per cercare di contrastarli.

I 10 “ladri di energia”

1. Lascia andare le persone che condividono solo lamentele, problemi, storie disastrose, paura

2. Paga i tuoi debiti in tempo. Nel frattempo fai pagare chi è in debito con te, oppure lascia perdere se coloro che sono in debito con te non possono pagarti.

3. Mantieni le promesse. Se fai spesso fatica a rispettare le tue promesse, forse il modo più semplice di evitare che accada è dire di NO subito.

4. Elimina, e nel possibile delega i compiti che preferisci non fare, e dedica il tuo tempo alle cose che ti piacciono.

5. Concediti il riposo di cui hai bisogno.

6. Butta, raccogli e organizza. Niente ruba più energia di uno spazio disordinato e pieno di cose del passato che ormai non ti servono più.

7. Dai priorità alla tua salute. Un corpo sano ti permette di sfruttare al massimo la tua energia. Concediti delle pause.

8. Affronta le situazioni negative. Non sopportare le azioni negative di nessuno, né di un familiare, né di un amico, né di un compagno o di un gruppo. È sempre meglio essere chiari e affrontare le persone a viso aperto.

9. Accetta. Ma non per rassegnazione. Niente ti fa perdere più energia di una situazione che non puoi cambiare.

10. Perdona. Lascia andare una situazione che è causa di dolore, puoi sempre scegliere di lasciare il dolore nel ricordo.

Buone vacanze a tutti!